I diversi tipi di cannabis ed i loro effetti

Aggiornato il: gen 4

La cannabis è una delle prime colture praticate dall'umanità, una sostanza dall'uso quotidiano e dai multipli usi medicinali.


Attualmente esistono due forme di pensiero.

Chi sostiene che ci siano tre distinte sottospecie di cannabis e chi controbatte spiegando che la cannabis ha un'unica origine e che vari la sua composizione in base ai fattori legati al territorio in cui cresce, ovvero composizione del suolo, clima e temperature a cui la pianta viene esposta.

Nel post ci occuperemo della prima teoria, descrivendo le tre differenti sottospecie distinguibili in: Sativa, Indica e Ruderalis.


SATIVA

Gli esemplari di questa pianta prosperano in climi tropicali, in condizioni di calore, alte precipitazioni e umidità. La Sativa raggiunge dimensioni variabili, spaziando tra 1,5 metri di altezza fino ad arrivare attorno ai 4-5 metri!

La concentrazione di THC è bassa e si attesta indicativamente attorno al 2%. Per questo motivo la pianta è utilizzata in ambito medico per contrastare l'ansia e i problemi di depressione o per alleviare gli effetti collaterali dell'astinenza da droghe. Sono usate anche come stimolante dell'appetito e dell'umore, nel trattamento di disturbi dell'alimentazione e per combattere la nausea provocata dalla chemioterapia.

L’effetto della cannabis Sativa viene definito “cerebrale” in quanto può dare effetti di natura creativa ed artistica.


INDICA

La cannabis Indica è molto resistente sia al freddo che alla siccità e si adatta a climi come quelli del Nepal e dell’Afghanistan, paesi in cui vengono coltivate.

Le Indica sono ottime anche per essere coltivate indoor, proprio per la loro forma tozza di dimensione ridotta (raramente superano i 3 metri) e i loro tempi di fioritura, nettamente più brevi rispetto a quelli di altre varietà.

Questa pianta è sicuramente tra le varietà di Marijuana quella che presenta livelli di THC più alti, infatti può raggiungere percentuali anche intorno al 25%. Il suo effetto è principalmente rilassante: l’uso di questo tipo di marijuana è consigliato per favorire il sonno ed aiutare a calmare lo stress dovuto ad un’intensa giornata di lavoro.

Per quanto riguarda l'uso terapeutico, l'Indica è utilizzata da coloro i quali cercano sollievo da problemi ossei ed emicranie.


RUDERALIS


La cannabis Ruderalis, comunemente conosciuta come canapa russa, ha la forma di un tozzo cespuglietto a causa delle rigide temperature della steppa russa in cui ha origine. La fioritura non dipende direttamente dall'esposizione alla luce del sole, ma la pianta fiorisce autonomamente dopo un periodo fisso.

La Ruderalis è caratterizzata da un basso contenuto di THC e non è adatta alla produzione di Marijuana, infatti viene principalmente utilizzata per essere unita ad altre piante per aumentarne la robustezza, grazie alla sua piccola dimensione e alla corteccia legnosa, che la rende appunto più resistente rispetto ad altri tipi di cannabis.